Il Progetto Ali-Clil

                                                   

COS’È?

Il CLIL (Content and Language Integrated Learning), apprendimento integrato di lingua e contenuti, si riferisce all’insegnamento di qualunque materia non linguistica per mezzo di una lingua seconda o straniera (L2).
Il contenuto disciplinare non linguistico viene acquisito attraverso la L2 e la L2 si sviluppa attraverso il contenuto disciplinare non linguistico.

 
PERCHÉ?

Il CLIL è:

  •  un approccio educativo a supporto della diversità linguistica e pertanto a favore del plurilinguismo e uno strumento potente capace di determinare in futuro un forte impatto sull’apprendimento delle lingue.
  • un approccio innovativo all’apprendimento, in quanto costituisce un tentativo per superare i limiti dei curricula scolastici tradizionali, favorendo l’integrazione curriculare e formando una conoscenza “complessa” e “integrata” del sapere.
  • uno strumento flessibile che permette l’ insegnamento per un intero anno scolastico di una o piu’ materie, oppure l’insegnamento di un modulo o di una parte di un corso regolare.
  • uno strumento migliorativo perchè sviluppa la competenza nella seconda lingua e le conoscenze e le abilità nelle aree non linguistiche.

PER CHI?

  • Per gli studenti di ogni ordine e grado di scuola che abbiano un livello almeno intermedio di conoscenza della lingua seconda.
  • Per gli insegnanti di lingua straniera e tutti quegli insegnanti di disciplina che hanno una buona padronanza della L2 usata come veicolo di istruzione. Un requisito auspicabile è la capacità di lavorare in armonia  con i colleghi per garantire un rapporto efficace di cooperazione reciproca. 

COME?

Il CLIL si avvantaggia di:

  •  metodi interattivi
  •  gestione cooperativa della classe 
  •  enfasi sui diversi tipi di comunicazione

La presentazione dei contenuti disciplinari diventa più concreta e visiva:  si enfatizza l’importanza del supporto visivo e multimediale per superare problemi derivanti dall’impiego di linguaggi specialistici. I significati e le nozioni vengono costruite attraverso forme dialogiche interattive che permettono un buon radicamento concettuale. È vantaggioso incoraggiare al massimo la cooperazione tra l’insegnante della materia disciplinare e quello di lingua straniera.